MOTORSPORT: F1-HAMILTON VINCE A SORPRESA IN AZERBAIJAN; FORMULA E: VERGNE STRAVINCE A PARIGI

2' di lettura

Torna per la prima volta in questa stagione una Mercedes sul podio, quella di Lewis Hamilton, che vince una rocambolesca gara in Azerbaijan. Chiudono il podio Kimi Raikonnen e Sergio Perez.

La gara incomincia subito con due contatti, quello tra Raikonnen e Ocon, dove il pilota francese ha la peggio ed è costretto a ritirarsi, subito dopo quello tra Alonso e Sirotkin, con la Williams costretta al ritiro.

Successivamente la lotta tra le due Red bull si inasprisce e i due piloti della Renault ne approfittano per sorpassarli e piazzarsi in quarta e quinta posizione, ma Hulkenberg commette un errore scontrantosi con le barriere ed è costretto al ritiro.

La gara si infiamma al giro 40, dove Ricciardo in volata tampona Verstappen e finiscono tutti e due nella via di fuga. Entra la safety car, i piloti in testa entrano ai box per cambiare le montare le ultra soft e al rientro Bottas è al comando, seguito da Vettel, che per tutta la gara è stato in testa, Hamilton e Raikonnen.

Mentre scalda le gomme Grosjean, parte in testacoda la sua Haas e finisce nelle barriere, la safety car rientrerà a tre giri dalla fine, dopo aver girato per otto giri consecutivamente. Al rientro, Vettel prova un sorpasso disperato alla fine della prima curva, va largo e butta via una magnifica gara. Bottas ha la vittoria in pugno ma buca nel giro successivo ed Hamilton si ritrova primo, con Raikkonen e Perez dietro. La gara si concluderà con una vittoria a sorpresa di Hamilton ed un podio senza precedenti.

Mondiale piloti: Hamilton in vetta con un distacco di quattro punti da Vettel.

Mondiale costruttori: Ferrari in testa a +4 dalla Mercedes

Top 10 (gara): Hamilton(Mercedes), Raikkonen(Ferrari), Perez(Force India), Vettel(Ferrari), Sainz(Renault), Leclerc(Alfa Romeo – Sauber), Alonso(Mclaren), Stroll(Williams), Vandoorne(Mclaren), Hartely(Toro Rosso).

 

 

Jean Eric Vergne vince per la terza volta e allunga il passo in campionato. Il polita francese vince l’ E-prix di Parigi, chiudono il podio Lucas Di Grassi e Sam Bird.

La gara incomincia con molto movimento subito dopo il via con un conttato tra Tom Blomqvist e Nico Prost. Il posteriore della Renault di Prost perde completamente l’alettone ma il francese continua comunque a stare in pista per diversi giri. Nel frattempo, là davanti, Vergne mantiene viva la pole position e dopo il semaforo verde è primo; dietro di lui, Bird e Andree Lotterer. Al momento del  pit stop, Di Grassi resta in pista un giro in più degli altri. Mossa vincente, il brasiliano rientra in pista in seconda posizione, dietro al leader costante Vergne. Bird e Lotterer si giocano il podio basso. Un gioco che spinge il tedesco della Techeetah a forzare la mano e a provare una manovra decisa su Bird: nella curva 10, Lotterer riesce a superare Bird con una mossa di prepotenza  e guadagna la terza posizione. Di Grassi e Lotterer lottano per il secondo posto. Quando mancano poche curve alla fine, però, la Techeetah di Lotterer resta con solo l’1% di batteria e la macchina rallenta di colpo, procedendo a velocità bassa. Da dietro, Bird lo colpisce in pieno ma riesce ugualmente a superarlo. Alla fine, il britannico taglia il traguardo con tre ruote.

Top 10:  Vergne(Techeetah), Di Grassi(Audi), Bird(Ds Virgin Racing), Engel(Venturi Team), Buemi(Renault), Lotterer(Techetah), Abt(Audi), Rosenqvist(Mahindra), Turvey(Nio Team), Lopez(Dragon).      

Mostra il tuo sostegno con un "Mi Piace"!
Carmelo Schillaci

Nato a Cuneo il 15/01/2001. Frequenta il quinto anno del liceo "Concetto Marchesi" di Mascalucia.
"Gli uomini passano, le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini"
Giovanni Falcone

Un commento ci fa sempre piacere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.