MOTORSPORT: F1- Lewis Hamilton senza rivali vince il GP di Francia; Superbike – Rea si porta a casa le vittorie di gara 1 e gara 2.

3' di lettura

F1  GP Francia: Dopo 28 anni il GP di Francia si è disputato nel circuito Paul Ricard, l’ultima volta vince Alain Prost con la Ferrari ma ieri ha vinto, o meglio dire, dominato, Lewis Hamilton con la sua Mercedes. Seguito da Verstappen e Raikkonen. Male la Ferrari di Vettel, che nel primo giro tampona Bottas e riceve anche una penalità. Grande gara di Leclerc, il quale arriva 10° con la Sauber- Alfa Romeo.

La gara incomincia con un tamponamento, quello tra Vettel e Bottas, inoltre c’è il testacoda di Ocon. I due rientrano ai box, Vettel cambia l’ala anteriore e monta le gomme Soft, mentre Bottas rientra per la gomma posteriore sinistra forata. Hamilton prova a fare l’andatura, mentre Vettel con rabbia cerca di recuperare posizioni. Dopo 10 giri arriva la penalità di 5’’ da parte della direzione gara per Vettel, nel frattempo Raikkonen con un buon passo si porta in 4° posizione. Le due Red Bull inseguono il pilota inglese; al 20° giro Vettel è già 6° e spinge ancora per recuperare il disastro fatto ad inizio gara. Lecler fatica a tenere dietro la Renault di Hulkemberg e gli cede l’ottavo posto. A circa metà gara arriva la penalità per Sirotkin per aver guidato con troppa lentezza dietro la safety car, invece Perez è costretto al ritiro per un problema alla Power Unit. A 15 giri dal termine, Hamilton e Verstappen fuggono via, mentre Vettel ha un calo di prestazioni e viene superato da Raikkonen, il quale si porta in 4° posizione. A 5 giri dal termine un Raikkonen in ottima forma in staccata supera Ricciardo e si porta in 3° posizione. A 2 giri dal termine esplode la gomma di Stroll, virtual safety car e poi la safety car. La gara si concluderà con la safety car in pista. 65° vittoria in F1 per Hamilton, invece Raikkonen conquista il suo 95° podio.

Top 10: Hamilton (Mercedes); Verstappen (Red-Bull); Raikkonen (Ferrari); Ricciardo (Red-Bull); Vettel (Ferrari); Magnussen (Haas); Bottas (Mercedes); Sainz (Renault); Hulkemberg (Renault); Leclerc (Sauber-Alfa Romeo).

Superbike gara 1: Rea raggiunge la 7° vittoria stagionale a Laguna Seca, dopo un weekend strabiliante. Hanno chiuso il podio Davies e Lowes.

Rea è partito molto bene, ma Davies con la sua Panigale ne aveva di più nel passo gara. La sua vittoria è sfumata al settimo giro, dove alla “cavatappi” ha sbandato ed ha lasciato la prima posizione a Rea. I due avevano un passo irraggiungibile per gli altri, infatti gli altri piloti si contendevano il terzo posto, dove ha avuto la meglio Alex Lowes. Le due Aprilia hanno fatto un’ottima gara, Laverty è arrivato a pochi decimi da Lowes, mentre Savadori che era tra i top 10, ha bruciato un ottima gara con ben due cadute ed ha chiuso la gara 14°. Melandri e Sykes non brillano più di tanto e arrivano rispettivamente 5° e 7°. In difficoltà anche Van De Mark con la sua Yamaha, il quale arriva 8° con la sua R1, difficoltà che si sono accentuate di più in gara, dopo un weekend pessimo.

Top 10: Rea (Kavasaki); Davies (Ducati); Lowes (Yamaha); Laverty (Aprilia); Melandri (Ducati); Fores (Barni Racing Team); Sykes (Kavasaki); Van Der Mark (Yamaha); Torres (MV Agusta); Gagne (Red Bull Honda).

Rea vince anche in gara 2, partendo in terza fila e impiegando soltanto 7 giri per arrivare a superare Laverty e portarsi in testa alla gara. Il pilota della Aprila non ha tenuto dietro le mostruose moto di Rea e Davies e si è dovuto accontentare di un terzo posto, che è comunque un buon risultato per la Aprilia. Le due Yamaha di Lowes e Van Der Mark, verso la fine della gara sono riuscite a stare dietro al pilota della Aprila, ma non sono riuscite ad impensierirlo più di tanto. Male anzi, malissimo Sykes, che non riesce a trovarsi con la sua Kavasaki Ninja e arriva 8°. Weekend da incubo per Melandri e Savadori, i quali hanno accumulato tre cadute in due gare, si rifaranno le prossimo GP a Misano?. Infine Torres con la sua MV Agusta si riconferma in ottima forma anche in gara 2 e si porta a casa un’ottima 7° posizione.

Top 10: Rea (Kawasaki); Davies (Ducati); Laverty (Aprilia); Lowes(Yamaha); Van Der Mark (Yamaha); Forés (Ducati); Torres(MV Agusta); Sykes (Kawasaki); Gagne (Honda); Baz (BMW)

Mostra il tuo sostegno con un "Mi Piace"!
Carmelo Schillaci

Nato a Cuneo il 15/01/2001. Frequenta il quinto anno del liceo "Concetto Marchesi" di Mascalucia.
"Gli uomini passano, le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini"
Giovanni Falcone

Un commento ci fa sempre piacere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.