Milano: Vandalismo e Omofobia Alla Scuola di Cultura Popolare.

1' di lettura

Sabato sera è avvenuto un grave fatto di cronaca a Milano. La sede della Scuola di Cultura Popolare di via Bramantino è stata vandalizzata e distrutta. 

A riportare la notizia è stato Fabio Galesi, ex consigliere comunale del capoluogo lombardo che commenta:

Mentre sono al dibattito della Festa dell’unità a Lambrate, ricevo le foto e il messaggio dell’assalto fascista alla Scuola di Cultura Popolare in Via Bramantino, nel Municipio 8, che da oggi avrebbe dovuto riprendere le attività. Oltre il gesto mafio-fascista, da notare le scritte accanto le svastiche… Abbiamo un ministro degli interni che inneggia violenza. Un gesto ignobile e allarmante che tutte le forze democratiche del paese devono condannare”.

Fatto grave che si presenta subito dopo altri due episodi analoghi nelle città di Verona e di Roma nei confronti di una coppia omosessuale e di una sede del Partito Democratico.

La matrice omofoba del gesto è chiara visto che nei muri compaiono le scritte “Lesbiche” e “Puttane” insieme ad un pene e al “W Salvini” ripetuto più volte e tante svastiche.

Mostra il tuo sostegno con un "Mi Piace"!
  •  
Christian Partenope

Christian Partenope, nato a Catania il 06-08-97.
Diplomato al liceo delle scienze umane di Scordia e attualmente studente di cinema e teatro e di Giurisprudenza alla Sapienza di Roma.
Seguo e partecipo alla vita politica, canto, scrivo per diletto e amore, ho la passione per i libri, il cinema e il teatro.