Motorsport: F1- Hamilton diventa campione del mondo. Moto Gp- La Yamaha torna a vincere grazie a Vinales.

3' di lettura

Formula 1: Max Verstappen sorprende tutti e vince il GP del Messico. Lewis Hamilton arriva 4°, ma diventa per la 5° volta campione del mondo di Formula 1 eguagliando Fangio e portandosi a -2 da Schumacher. Le due Ferrari approfittano dei problemi alle gomme della Mercedes e chiudono la gara in 2° e 3° posizione. Ricciardo partito in pole e con delle ottime chance per chiudere la gara sul podio, viene tradito dalla power unit Renault.

La gara parte con Hamilton che si infila tra le due Red Bull, ma in staccata Verstappen tiene la posizione. Mentre Vettel non vuole avere contatti e lascia sfilare le monoposto davanti a lui. Già ad una decina di giri dall’inizio, le vetture soffrono di graining in particolare le due Mercedes, infatti al 12° giro entrano ai box per un pit stop. Due giri dopo entra anche Ricciardo, gli unici in testa che non si sono fermati sono, le due Ferrari e Verstappen. Al 18° giro arriva pit stop per Vettel e la top 5 diventa: Verstappen, Hamilton, Ricciardo, Vettel, Bottas. Dopo quasi 25 giri dall’inizio ritornano i problemi di graining, sempre sulle due Mercedes ed anche su Ricciardo. Vettel ne approfitta, al 34° giro supera Ricciardo e dopo 6 giri anche Hamilton. Continua a lamentarsi l’inglese, “sento vibrazioni sul volante” riferendosi al graining e al 47° giro, alla fine del rettilineo va lungo e viene superato da Ricciardo. A 20 giri dal termine Vettel tenta di vincere la gara con un undercut, e viene copiato nel giro successivo da Verstappen. Con questa strategia Vettel recupera 3 secondi dal pilota in testa, ma si ritrova in 3° posizione con Ricciardo davanti. Nel frattempo Raikkonen supera le due Mercedes e si porta in 4° posizione. A 8 giri dal termine Ricciardo ha problemi con la sua power unit ed è costretto al ritiro, l’ottavo in questa stagione, tutti per colpa della poca affidabilità della power unit Renault. Vettel si ritrova in 2° posizione e tenta di arrivare a Verstappen a furia di giri veloci, ma il gap tra lui e Verstappen non scende mai sotto i 10”. Infine, l’olandese con Vettel a più di 10” chiude la gara con molta tranquillità e vince la sua 5° gara in F1.

Top 10: Verstappen (Red Bull), Vettel (Ferrari), Raikkonen (Ferrari), Hamilton (Mercedes), Bottas (Mercedes), Hulkenberg (Renault), Leclerc (Alfa Romeo-Sauber) Vandoorne (Mclaren), Ericsson (Alfa Romeo-Sauber), Gasly (Toro Rosso).

Moto GP: la Yamaha torna a vincere dopo 25 gare grazie a Maverick Vinales. Il pilota spagnolo vince la sua prima gara stagionale, seguito da Iannone, il quale arriva secondo grazie alle sue ottime doti da pilota. Infine, a chiudere il podio Andrea Dovizioso portandosi al 2° posto nella classifica del mondiale piloti.

La gara parte con l’ottimo spunto di Iannone, che si mette all’inseguimento di Marquez. Miller si porta in prima posizione e Petrucci finisce nella ghiaia alla prima curva. Dovizioso già al 2° giro si porta alle spalle di Marquez, mentre tra Rins e Zarco c’è grande battaglia. Nel giro succesivo, Rossi si prende la 4° posizione, Iannone sorpassa Dovizioso, nel frattempo Zarco supera Rossi e Miller portandosi in 4° posizione. Dovizioso sale in prima posizione al 5° giro, dietro di lui ci sono: Marquez, Miller e Iannone. Al 6° giro Zarco tampona Marquez, va a terra dopo che gli si chiude l’anteriore, mentre Marquez torna ai box ed è costretto al ritiro. Nell’arco di pochi giri Dovizioso perde il ritmo e a 18 giri dal termine la top 5 è: Vinales, Rossi, Iannone, Bautista e Dovizioso. A metà gara Iannone va largo e finisce in 5° posizione, mentre Bautista e Dovizioso superano Rossi e si portano nella top 3. Rossi a 10 giri dal termine accusa problemi di slittamento ed è costretto a cedere, perdendo 2 posizioni. Iannone ne approfitta ma a 8 giri dal termine sbaglia la staccata e Rossi ritorna nella top 3. Vinales è seguito dai due italiani, Dovizioso e Rossi ma continua a dettare il ritmo aumentando il gap a 4”. A 5 giri dal termine Rossi va largo alla curva 12, finisce 5° e ne approfittano Rins e Iannone. A 3 giri dal termine Iannone supera Dovizioso e si porta in 2° posizione, ma il gap con Vinales è ampio e non riesce a colmarlo. Nell’ultimo giro botta e risposta tra Iannone e Dovizioso, ma il pilota della Suzuki ha qualcosa in più e chiude la gara in seconda posizione, mentre Vinales indisturbato porta a casa la sua prima vittoria stagionale.

Top 10: Vinales (Yamaha), Iannone (Suzuku), Dovizioso (Ducati), Bautista (Ducati), Rins (Suzuki), Rossi (Yamaha), Miller (Ducati), Morbidelli (Honda), Espargaro (Aprilia), Smith (Ktm).


Mostra il tuo sostegno con un "Mi Piace"!
  •  
Carmelo Schillaci

Nato a Cuneo il 15/01/2001. Frequenta il quinto anno del liceo "Concetto Marchesi" di Mascalucia.
"Gli uomini passano, le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini"
Giovanni Falcone