Dragon Trainer – Il Mondo Nascosto

2' di lettura

Il mondo dell’animazione ha da sempre sfornato pellicole capaci di scavarsi uno spazio nel cuore degli spettatori, sia grandi che piccini. E i Dragon Trainer (d’ora in poi DT) fanno proprio parte di questa categoria. In special modo l’ultimo, Il mondo nascosto, uscito da poco nelle sale, riesce nello, spesso difficile, intento di “salutare” il pubblico in un modo molto emozionante.

Ebbene sì, perché questo terzo film della saga è anche l’ultimo e, nonostante sembri lasciare delle porte aperte per eventuali sviluppi futuri, riesce a chiudere in maniera impeccabile il percorso iniziato nel primo capitolo. Da un’accesa rivalità tra uomini e draghi si è arrivati, infatti, ad una convivenza e collaborazione tra le due razze. I fautori di tutto questo? Hiccup e Sdentato che, con la loro splendida “danza dell’amicizia” del primo DT, hanno sugellato questa unione tra i vichinghi del villaggio di Berk e gli esseri sputafuoco. Due “outsider”, Hiccup e Sdentato, diventati, in seguito al secondo film, Re delle loro rispettive razze. E qui alla ricerca di un “mondo nuovo”, un mondo che forse non è semplicemente una terra sulla quale costruire abitazioni e vivere; ma anche un qualcosa di intimo, di personale, nel quale costruire la propria identità.

È un film sull’amicizia, sull’indipendenza, sull’accettazione del diverso, sulla consapevolezza di sé stessi. È un film che rappresenta l’apice di un percorso formativo che ha caratterizzato in primis i due protagonisti, ma anche tutti gli altri personaggi, dando loro nuove radici e slegandoli totalmente da qualunque “peso” passato.

Ma oltre questo, oltre la storia e gli “insegnamenti” che può dare, cos’altro c’è in questo film?


In primis bisogna evidenziare un’animazione sublime che si è evoluta nel corso delle varie pellicole per diventare sempre più precisa e raffinata. Per intenderci: Hiccup, nei vari film, è cresciuto, soprattutto fisicamente, ed stupendo notare la minuzia con la quale questa crescita viene mostrata. Infatti sul volto del giovane vichingo sono ben visibili i primi peli e non si fa alcuna fatica nel distinguerli singolarmente, specialmente quando vengono illuminati dai raggi del sole. Potrebbe sembrare una sottigliezza ma non lo è, perché, nonostante DT sia un prodotto d’animazione, riesce comunque a trasmettere allo spettatore una sensazione di realismo. E questo è solo uno dei tanti esempi che testimoniano la grande cura che vi è dietro l’animazione della pellicola.


In secondo luogo, una menzione particolare la meritano i vari “rapporti interpersonali”, e dicendo ciò mi riferisco sia a quei rapporti che interessano specificatamente gli esseri umani, sia a quei rapporti che interessano esseri umani e draghi o, ancora, draghi e draghi (e proprio su quest’ultimo punto è necessario sottolineare la presenza molto interessante un’altra “danza”, decisamente diverse da quella della prima pellicola). Specifico questo perché l’intera pellicola, che come già detto risulta molto formativa per i personaggi, imbriglia quest’aspetto anche nella “definizione” di quei rapporti di cui sopra, rendendoli più maturi e facendoli andare incontro a sviluppi incredibilmente realistici; un esempio potrebbe essere il classico momento in cui tra due amici, legati da un forte rapporto, si va ad inserire una presenza femminile che “destabilizza” un po’ quella che è una situazione già consolidata.

Mi fermo qui, evitando gli spoiler, e concludo dicendo che questo Dragon Trainer – Il mondo nascosto rappresenta, sicuramente, una più che degna conclusione per una trilogia che nel corso del tempo è riuscita ad entrare nel cuore di grandi e piccini. Azione, amicizia, ritmo incalzante, uniti ad una splendida animazione, ad un villain che fa il suo dovere e, soprattutto, ad un finale davvero emozionante rendono questo film una perla che è impossibile lasciarsi scappare.

Mostra il tuo sostegno con un "Mi Piace"!
  •  
Vito Damigella

Vito Damigella, 22 anni. Sognatore di professione, personal trainer, filmaker indipendente e amante della settima arte.

Diplomato presso il Liceo Classico "C. Marchesi", porta avanti la sua passione per il cinema sul suo canale youtube "VStudios" in qualità di regista, attore, doppiatore e sceneggiatore; mentre, nel tempo libero, prosegue gli studi in ambito universitario.