ArtLand: dove il sogno dell’arte ha trovato la propria casa.

2' di lettura

Lo scorso 11 settembre è stato tagliato il nastro di un nuovo centro culturale a San Gregorio: si tratta di ArtLand, sede della compagnia teatrale Ouroboros; un “sogno”, come la definiscono loro stessi. Un punto di ritrovo per chiunque voglia avvicinarsi al mondo del teatro, dello spettacolo e delle arti visive in generale. E non solo.

Artland, infatti, ha già un calendario pieno di attività: doposcuola, corsi di teatro e flamenco, rassegne cinematografiche, mostre fotografiche, workshop e molto altro. Il tutto coadiuvato dalla massima libertà di espressione, e dalla possibilità per chiunque si avvicini al centro culturale di proporre nuove e sempre diverse iniziative, in linea con il concetto di “fucina di idee” che ArtLand si propone di diventare. 

Durante l’inaugurazione è stato inoltre possibile farci raccontare qualcosa in più da Federica e Gabriele, protagonisti insieme agli altri  della grande festa targata Ouroboros. E dalle loro parole sono subito emersi quelli che sono i caratteri fondamentali della compagnia teatrale: amicizia; rispetto; ascolto (fondamentale per coordinare venti teste pensanti); perseveranza e tanta, tantissima passione per l’arte e per tutto ciò che essa rappresenta nella vita di ciascuno di noi, in termini di purezza d’emozioni, di arricchimento spirituale e di esercizio costante della creatività. Strumenti forniti a ciascuno di noi, per inseguire una vita a colori, ed evitare di impantanarci in una pericolosa scala di grigi.  

Alla luce di ciò, dunque, non sembra un caso il fatto che come primo spettacolo questa compagnia porti, giorno 1 e 8 Novembre, una versione tradotta di “Lala land“; una scelta che mostra esattamente quali siano gli ideali e le ambizioni di Ouroboros: come per i protagonisti del film, la passione per l’arte è il motore immobile che li spinge ad andare avanti, che li sprona e che li porterà sicuramente verso il raggiungimento di numerosi e ambiziosi obbiettivi. E pertanto questo articolo è, come il film, dedicato ai folli e ai sognatori. Perché questo è ciò che rappresenta Ouroboros: creatività e intelligente fantasia, di cui il mondo ha disperatamente bisogno. 

Virginia Finocchiaro
Nora Nicotra

Mostra il tuo sostegno con un "Mi Piace"!
  •