La Manovra – Parte 5

2' di lettura

Bentornati nella rubrica che vi aiuterà a far capire ai vostri parenti di essere solo sotto effetto Dunning-Kruger.

Questa sarà l’ultima puntata di questa rubrica, e pertanto, come nei programmi Mediaset anni 90′, faremo un recap di quanto ci siamo detti in queste settimane.

Partiamo subito:

•La tassa sulla plastica è stata rinviata di tre mesi, per cui partirà non da gennaio ma da Giugno 2020.

Non si applicherà alla plastica compostabile e biodegradabile, dispositivi medici e imballaggi medicinali. Si applicherà invece su tutti gli imballaggi, comprese le bottiglie per le bevande, con un costo aggiuntivo non più di € 1 al chilo bensì di € 0,40.

•Anche la tassa sugli zuccheri non partirà da Gennaio ma da Ottobre 2020, anche se la Ministra Teresa Bellanova di Italia Viva pare si stia battendo in maniera straordinaria per eliminarla proprio del tutto (su questo vi lascio un po’ fantasticare sull’epilogo, come sulla fine di Drogon).

Il taglio del cuneo fiscale porterà ad un aumento del netto in busta paga e partirà da luglio 2020; sarà probabilmente pari a 15 euro al mese per chi già prende il bonus da 80 euro (cd. bonus Renzi); di 33 euro al mese per chi prende un bonus parziale; e di 95 euro al mese per chi non lo prende affatto.

I Bonus per la famiglia vedranno un aumento ipotetico di 600 milioni di euro che dovrebbero migliorare/introdurre la carta bimbi da 400 euro al mese, l’assegno universale di natalità, il bonus asilo nido fino a 250 euro, il bonus mamma domani 2020 ed il congedo di paternità.

•Riduzione IVA dal 22% al 5% per gli assorbenti compostabili o lavabili

•Rinvio al 6 marzo delle multe per chi non si adegua alle nuove norme sui seggiolini auto.

•Modifiche anche alle assicurazioni familiari con un’unica classe di merito per tutte le auto e moto appartenenti allo stesso nucleo familiare.

•Conferma del carcere per i grandi evasori.

•Lotteria degli scontrini prorogata al 1 Luglio 2020.

•Niente sanzioni per i commercianti che non istallano il PoS. 

•Limite contante che passa a 2000 euro nel 2020 e poi dal 2022 a 1.000 euro (qui riportiamo il dato del 2022 solo per completezza di informazione, in quanto sono abbastanza sicuro che nel 2022 una nuova maggioranza politica potrebbe eliminare ogni forma di controllo al contante circolante).

Ringrazio tutti voi per avermi letto in queste settimane, avermi mandato spunti sui quali scrivere ed avermi corretto ove ce ne fosse stato bisogno.

Ora siete pronti ad affrontare ogni parente saccente che voglia parlare di politica e/o di economia.

Andate e non lasciate prigionieri!

Mostra il tuo sostegno con un "Mi Piace"!
  •